Meches rosse, come vengono eseguite e a chi stanno bene

Meches rosse, il contrasto che arriva dagli anni Duemila

Le meches rosse sono state le protagoniste indiscusse dell’inizio degli anni Duemila, quando tra le ragazze andava di moda sfoggiare tra i propri capelli tinte accese, come il rosso, oppure molto dark, come il viola, il nero e il blu, e tagli di capelli molto maschili e che strizzavano l’occhio allo stile punk, ma ancora adesso a distanza di quasi vent’anni sono molto ricercate per la loro capacità di rendere una chioma trasgressiva o, al contrario, molto
glamour.

Meches rosse - Meches rosse, come vengono eseguite e a chi stanno bene

Meches rosse, a chi stanno bene?

Le meches rosse, a differenza di quelle bionde, sono particolarmente indicate per le donne che hanno i capelli castani, castani scuri o molto neri. Il motivo è che le meches rosse, a  causa dell’intensità di questi tipi di colori di capelli, in parte vengono “smorzate”, pertanto, pur risaltando tra le ciocche, danno vita ad un mix armonioso.

Per quanto riguarda invece i capelli biondi, anche se alcuni parrucchieri non le sconsigliano in modo aperto, c’è invece il rischio di creare un effetto “pugno nell’occhio”, quindi non le consigliamo (a differenza delle meches rosa o delle meches castane, che invece stanno benissimo a tutte le bionde, soprattutto a quelle molto chiare).

Meches rosse, come vengono eseguite?

Per fare le meches rosse, i parrucchieri si servono di un’apposita cuffia forata, che viene fatta indossare al cliente e da cui si estraggono, tramite una specie di uncino, le ciocche da colorare. Fatta quest’operazione, che a seconda della lunghezza dei capelli e del numero di ciocche può richiedere da mezz’ora fino ad un’ora di lavoro, si procede dapprima con la decolorazione delle ciocche, poi con l’applicazione del colore scelto (in questo caso il rosso,
che può essere più o meno intenso).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *